sabato 12 agosto 2017

Recensione The Falconer di Elizabeth May!

Buongiorno a tutti ragazzi e bentornati sul blog!
Oggi sono qui per recensirvi l'ennesimo libro che non ho tempo di recensire sul canale youtube ma che ci tengo a consigliarvi perchè mi è piaciuto molto e penso possa piacere anche a molti di voi che come me amano i romanzi Fantasy ambientati nell'epoca vittoriana e il Regno Unito. Quindi senza ulteriori indugi ecco a voi la mia recensione di The Falconer di Elizabeth May, noto in Italia con il titolo La cacciatrice di fate.


Titolo: La cacciatrice di fate
Saga: The Falconer #1
Autrice: Elizabeth May
Genere:  Fantasy/ Steampunk
Editore: Sperling&Kupfer
Pagine: 366
Trama:
Lady Aileana non ha paura della notte: è nelle pieghe del buio che può compiere la sua missione. Non ha paura degli stretti vicoli di Edimburgo e dei pericoli che vi si annidano: è lì che può trovare le sue prede. Perché Aileana, giovane figlia del marchese di Douglas, nasconde un segreto: se di giorno è una perfetta gentildonna del diciannovesimo secolo, alle prese con gioielli, vestiti e feste scintillanti, di notte è una spietata cacciatrice di fate. Tutto è iniziato un anno prima, la sera delsuo debutto in società: la stessa, tragica sera della morte di sua madre, uccisa da un essere soprannaturale. Da allora, Aileana sente dentro di sé una voce selvaggia che la sprona alla vendetta. Da allora, ha intrapreso un duro addestramento per imparare a combattere le fate: creature assetate di sangue che si nutrono dell'energia vitale degli umani. È stato Kiaran, il suo affascinante maestro, a fare di Aileana una guerriera, allenandola alla battaglia. E sarà lui a farle scoprire lo straordinario destino che l'attende. Perché Lady Aileana è l'ultima cacciatrice di un'antica stirpe, l'unica in grado di proteggere l'umanità la notte in cui tutte le fate si risveglieranno. La notte, ormai imminente, del solstizio d'inverno.


Avevo letto questo libro per la prima volta circa 4 anni fa e sebbene mi fosse piaciuto molto non ne ricordavo granchè, forse per il fatto che in quel periodo non leggevo molto in inglese. Ho poi deciso di rileggerlo a Luglio perchè sapevo che Elizabeth May, l'autrice sarebbe stata allo YALC mentre ero a Londra, e quindi mi era tornata la voglia di leggere la trilogia, invogliata anche dal fatto che l'ultimo libro fosse uscito da poco. 
Mai scelta più giusta!
Questo libro è proprio quello che fa per me: protagonista badass, epoca vittoriana e Scozia. Sembra quasi che l'autrice abbia scritto il libro pensando a me come audience. Aggiungiamo poi a questo fantastico mix il fatto che il romanzo è un Fantasy Steampunk e addio, mi avete persa completamente.
Il libro parla infatti della Falconer, una guerriera donna nata per un solo scopo; uccidere i Fae. Peccato che Aileana, la nostra protagonista, sia anche l'ultima della sua specie.
Costretta a destreggiarsi tra il suo ruolo nella società, mantenere le apparenze e trovarsi un marito, come desiderio del padre, e cacciare invece il popolo fatato, l'unica cosa che sembra mantenerla sana di mente. Dalla morte della madre, uccisa da una creatura magica proprio davanti ai suoi occhi, Aileana non ha altro scopo che allenarsi nell'uccidere per poterla un giorno vendicare. La cosa che mi è piaciuta di più della protagonista è che non si piange addosso. In un periodo storico dove le uniche cose che a una donna importavano erano trovare marito e attendere balli, Aileana non ha paura di sfigurare agli occhi della nobiltà per perseguire i suoi obiettivi. Scomparire nel bel mezzo di un ballo per poi riapparire con l'abito completamente distrutto dalla battaglia non le interessa, neanche se la sua rispettabilità ne risente. Combattendo tutte le notte accumula cicatrici importanti, che nella classica protagonista avrebbero destato pensieri del genere "ora nessuno mi vorrà" e "il mio corpo è disgustoso" mentre per lei sono medaglie d'onore. Marcano i suoi progressi e le indossa con orgoglio, cosa di cui sono rimasta piacevolmente sorpresa. Prendete esempio protagoniste!
“Crimson suits you best.”
Ho poi adorato il personaggio di Derrik, un pixie amico di Aileana, drogato di miele, che vive nel suo guardaroba e che le ripara i vestiti. Esilarante, le scene con lui sono le più leggere della narrazione ma non ho potuto far a meno di amarlo. Datemi un Derrik che mi prepara vestiti da sera in un battibaleno!
Tra i personaggi principali poi incontriamo Kiaran, il mentore guerriero di Aileana, che passa le sue notti ad addestrarla per uccidere la sua stessa specie, perchè lui è un Fae. 
“Kiaran and I have little connection beyond our names. We battle, bleed and hunt together almost every night. He teaches me how to slaughter in the most effective, brutal ways possible. But I've never told Kiaran why I hunt, and he has never told me why he kills his own kind. This is our ritual, our dance. The only one that matters.”

E' un ottimo personaggio, misterioso e tormentato, che mi è piaciuto scoprire piano piano. Certo, si arriva alla fine del primo volume non sapendo comunque molto su di lui ma nel secondo volume della trilogia molte domande troveranno risposta.
Infine passiamo un po' a discutere in libro in se. Una delle cose che mi sono piaciute di più del romanzo è senza ombra di dubbio l'ambientazione. La Scozia è un posto che mi ha sempre affascinato, un po' per la sua atmosfera "selvaggia", e devo dire che le descrizioni della May non hanno fatto altro che andare a moltiplicare per 100 la mia voglia di visitare questo posto magico. In particolare Edimburgo, la città in cui è ambientato il romanzo, ha catturato il mio cuore e sicuramente un giorno sarà meta delle mie vacanze. Un altra delle caratteristiche che secondo me hanno arricchito molto la storia è l'elemento Steampunk, che ha reso l'atmosfera ancora più particolare e alcune delle scene di combattimento epiche! Probabilmente la storia non sarebbe stata altrettanto magica senza le caratteristiche invenzioni di Aileana.
Infine, l'ultima cosa che mi ha colpito e di cui voglio parlarvi è l'uso del folklore Scozzese nella narrazione. E' facile oggi scrivere un romanzo con i Fae e farlo assomigliare ai mille altri già esistenti, ma Elizabeth May basandosi sui veri miti Scozzesi è riuscita a creare un atmosfera di novità che ai miei occhi ha reso la sua storia diversa da tutte le altre sullo stesso argomento. Ben fatto!
Il libro in definitiva come avete potuto leggere mi è piaciuto molto e gli ho dato 4 stelline su 5. 
Per chi possa essere interessato il romanzo non presenta insta-love, ma un romance più slow burning, che a me personalmente ha fatto impazzire.
Se cercate un Fantasy storico con un ambientazione unica io vi consiglio assolutamente questo!
Ma se la trama non vi ispira, non disperate; presto ho intenzione di fare un video apposito dove consiglio i miei fantasy storici preferiti, quindi sicuramente troverete qualcosa che fa per voi!

Fatemi sapere giù nei commenti se la recensione vi è piaciuta e se avete libri del genere da consigliarmi.
Un bacio,
Sara.

11 commenti:

  1. Non vedevo L ora di avere una tua recensione su questa trilogia 😍 Sai se è stata tradotta tutta in italiano ? Altrimenti la leggerò lo stesso il inglese perché mi ispira troppo la trama.. il video sui fantasy storico preferiti bellissima idea stupendo non vedo L ora di vederlo 😍😍😍

    RispondiElimina
  2. Sembra abbastanza interessante come trama, credo che sarà una delle mie prossime letture 😊
    L'epoca vittoriana e tipo una droga per me xD
    Grazie sara per farci conoscere sempre
    nuovi libri e per le tue recensioni fantastiche ❤️

    RispondiElimina
  3. Oddio, anche io ho letto questo libro tipo un sacco di tempo fa, ma non me ne ricordavo l'esistenza ahaha
    Era un periodo in cui leggevo solo libri preso in biblioteca!
    Penso proprio che anchenio farò una bella rilettura 😍

    RispondiElimina
  4. Nuovo libro per la mai immensa wishlist. Sembra stupendo, anche se io personalmente non ho letto molti fantasy storici, ma mi piacerebbe leggerne di più, anche per capire se mi piacciono o meno!! sicuramente lo comprerò!

    RispondiElimina
  5. Non leggo molti fantasy di questo genere, ma mi ha colpita! Prima o poi lo leggerò, questo è sicuro!

    RispondiElimina
  6. Già dal titolo mi attirava, ora lo aggiungerò subito alla mia wishlist!

    RispondiElimina
  7. Sono abituata a vedere le fate come le protagoniste dei libri, dei film...
    Ma non le ho mai viste nei panni delle antagoniste ora sono molto curiosa di leggere questo libro😊

    RispondiElimina
  8. Ho letto questo libro a Luglio, FANTASTICO a dir poco!!😻

    RispondiElimina
  9. era da un po che cercavo un libro con delle atmosfere un po' Steampunk e leggendo la tua recensione questo libro mi ha incuriosita moltissimo

    RispondiElimina
  10. Mi hai molto incuriositaaaa. Sei fantastica come al solito Sara

    RispondiElimina
  11. Ciao Sara. Come ti ho giá scritto sul canale questa trilogia mi ispira evramente tantissimo. Spero di leggerla al più presto. Ottima recensione

    RispondiElimina